Recensione AirPods: il futuro degli auricolari

Recensione AirPods Apple: il futuro delle cuffiette

Ho recentemente provato per un paio di settimane le nuove cuffiette Bluetooth della Apple, le tanto vociferate AirPods: e devo ammettere che sono veramente il top del top.

apple-airpods-incase-720x720

Qui di seguito ve ne parlo e vi spiego perché secondo me saranno lo standard dei futuri auricolari.

Assolutamente impossibili da perdere

Dite un po’ la verità: la cosa che più vi impedisce di dirigervi nel negozio Apple più vicino è la paura che, per sbadataggine, perdiate le piccole cuffie chissà dove.

Per il resto, i classici oppositori della Apple se ne sono usciti con: <<Non comprate le AirPods! Costano una miseria e le perdete in un secondo!>>

Tutto falso.

Anch’io ero spaventato da quest’idea, ma la ditta Californiana ovviamente ha tutte le soluzioni.

In dotazione con gli auricolari ci viene data una piccola custodia bianca, grande all’incirca come una scatolina di Tic Tac: all’interno si trovano due spazi appositi per le cuffiette, le quali sono completamente magnetizzate e appena si avvicinano ai fori vengono “risucchiate” all’interno del contenitore con un soddisfacente “clac!”, e non possono più sfilarsi nemmeno se scuotiamo la scatolina al contrario: c’è bisogno di tirarle fuori con le dita.

Inoltre sono molto più comode di quelle col filo: perciò quando le indossiamo rimangono appese ai lobi delle orecchie anche se corriamo, saltiamo o scuotiamo la testa.

Infine la comodità più grande: nessuno filo.

Scordatevi quei dieci minuti giornalieri passati a districare fili come una sarta per godervi dieci minuti di musica: ora basta prendere la nostra scatola di tic tac, sfilare gli auricolari e appena indossati partiranno subito.

Piene di funzioni

Incredibilmente piccole, ma incredibilmente funzionali.

Sono stato subito sorpreso dalla quantità di cose che possiamo fare con esse: molti non sanno che, alla base degli auricolari, abbiamo un microfono per cuffia che possiamo tranquillamente attivare/disattivare per una chiamata: il suono è forte e limpido dall’altra parte della cornetta, anche se bisogna alzare un po’ la voce per farsi sentire bene.

Apple-Earphone.jpg

Comodissimo il fatto che, se sfiliamo una cuffietta dall’orecchio, la musica o qualunque altro stia trasmettendo in quel momento si fermerà all’istante: riprenderà solo quando la rimetteremo addosso.

 

Inoltre entrambi gli auricolari hanno un sensore touch che si attiverà se premeremo due volte velocemente su una di esse: così attiveremo Siri, alla quale potremo dare istruzioni.

Carica rapida

A differenza delle Pods a filo, quelle Air hanno un carica loro, che non rubano dal telefono, ma dal contenitore “Tic Tac”: è però vero che ogni tanto avremo bisogno di ricaricare la scatola.

In quattro giorni di utilizzo (circa due ore e mezzo al giorno) mi è capitato di ricaricarla solo una volta, e per fare il pieno di energia è bastata solo mezz’ora.

Per ricaricare le cuffiette è assolutamente obbligatorio portarsi dietro la scatolina: la loro ricarica è addirittura più rapida; infatti se la loro batteria arriva a zero bastano 15 secondi nel contenitore per un’altra mezz’ora di autonomia.

airpods-battery-problems

Possiamo controllare la batteria di scatolina e cuffiette semplicemente sbloccando il telefono e aprendo (senza schiacciare niente) la scatolina: ci si aprirà un’interfaccia con tutte le statistiche relative.

Prezzo

Ahi ahi ahi.

Nota dolente.

Per quanto siano fantastiche bisogna confrontarsi con lui: 170 € per un paio di auricolari sono davvero TANTI.

La qualità del suono presenta poche differenze rispetto agli altri modelli, perciò la vera utilità delle AirPods sono le sue innumerevoli funzioni, adatte per esempio a chi non ha tempo da perdere con fili e pulsanti. Qua sotto vi spiego se conviene comprarle.

Conclusioni

Bè, per essere smart, lo sono.

L’azienda di Cupertino non si smentisce neppure questa volta, e realizza un prodotto di qualità adatto a tutti.

Che voi siate indaffarati direttori di banca e volete il meglio per gestire i vostri affari, oppure quindicenni che amano ascoltare i Linkin Park la mattina sul tram, le AirPods fanno per voi.

L’ostacolo maggiore è il prezzo, (perché, come abbiamo visto, per il resto sono superiori a qualunque altro tipo di auricolare): vi consiglio di comprarle solo se siete anche voi “smart” e amate tenervi al passo, e non riuscite proprio a stare senza Pods.

Se l’articolo ti è piaciuto non dimenticare di commentare e condividere! =)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s